Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

COME OTTENERE UN FINANZIAMENTO ALTERNATIVO ALLE OFFERTE DELLA TUA BANCA TRADIZIONALE

uomini felici durante il tramonto

Quando si necessita di richiedere un prestito per far fronte alle più svariate necessità, è ricorrente rivolgersi principalmente alla propria banca tradizionale, nella convinzione che possa soddisfare sempre qualsiasi bisogno personale di liquidità alla migliore soluzione.

Non sempre questa convinzione corrisponde alla realtà, soprattutto quando il prodotto finanziario di cui si necessita è un finanziamento che deve fare i conti con situazioni personali critiche come:

  • la presenza di insoluti con altre finanziarie
  • azioni legali che hanno generato rivalsa ipotecaria di terzi
  • pignoramenti
  • protesti
  • quando si è troppo avanti con l’età (over 75)

A quel punto nasce la necessità di un prodotto di prestito con cessione del quintoche richiede una struttura specializzata ed organizzata operativamente nella gestione della richiesta e della lavorazione della stessa, compreso l’iter che prevede di rapportarsi alle amministrazioni d’appartenenza per il rilascio dei relativi documenti e tempistiche annesse e connesse.

Non sempre molti istituti di credito tradizionali, sono in grado di offrire direttamente il servizio e la gestione del prodotto di cessione del quinto. Altri si affidano ad un service esterno che ne segue aspetti commerciali con la risultante che la gestione effettiva non è più operativamente diretta. Ne consegue che dopo il tentativo di intraprendere la strada del prestito personale, se non andato a buon fine, ci si ritrova punto e a capo.


  La cessione del quinto: valida alternativa al prestito personale

  • Senza escludere la validità del prestito personale, diventa complesso richiederlo se si è già troppo esposti finanziariamente o peggio, in presenza di un ritardo nei pagamenti delle rate oppure con un assegno andato in protesto.
  • Quale istituto sarà in grado di accettare una richiesta di prestito da parte di soggetti che hanno superato i 75 anni?

Difficilmente in questi casi, sarà possibile ottenere un prestito personale, proprio perché la valutazione tiene conto dei seguenti fattori:

  1. Presenza di protesti o segnalazioni in Centrale Rischi
  2. Mancanza di un censimento o storico in banca dati (contratto altri prestiti in passato)
  3. Elevata o sbilanciata esposizione finanziaria
  4. Età compresa superiore ai 70 anni

Ma allora come fare per accedere ad un prestito in presenza di queste condizioni non ideali?
La cessione del quinto, invece, è in grado di finanziare chiunque abbia un contratto di lavoro a tempo indeterminato o una pensione e che non superi gli 85 anni alla scadenza del contratto, indipendentemente dal suo storico creditizio e dai debiti ancora in corso.

  La cessione del quinto: uno strumento con tanti vantaggi

Scegliere un’alternativa alla propria banca potendo scegliere la durata delle proprie rate, puntando sulla cessione del quinto, è la migliore soluzione per ottenere un finanziamento alternativo al prestito personale.

Questo strumento finanziario, come prima accennato, è dedicato a:

prevede che la rata, mai superiore al 20% della retribuzione netta mensile, venga rimborsata mediante trattenuta sullo stipendio o pensione e versata direttamente dal datore di lavoro.

Oltre a questo, essa è in grado di erogare importi anche elevati con durate comprese tra i 36 ed i 120 mesi, nonché, di finanziare anche cattivi pagatori e protestati o pignorati.

La cessione del quinto, inoltre, non prevede ulteriori garanzie e giustificativi di spesa per la somma richiesta dal cliente, essendo garantita da coperture assicurative in caso di perdita del lavoro e di premorienza o inabilità.

Per richiederla sono sufficienti pochi documenti:

  • Documenti anagrafici
  • Certificato di stipendio (dipendenti) o quota cedibile (pensionati)

e la delibera si ottiene nell’arco delle 48 ore se ci si rivolge ad un’agenzia diretta, pronta a gestire l’intera procedura, dall’istruttoria alla liquidazione, senza alcun intermediario ed erogando il prestito in una tempistica intorno ai 10 gg (salvo ritardi imputabili alle amministrazioni su rilascio del benestare che consente l’attivazione e la messa in quota della trattenuta mensile)

Ecco i vantaggi che meritano la giusta attenzione e valutazione prima di decidere la strada migliore da percorrere per ottenere della liquidità non giustificata attraverso la cessione del quinto, scegliendo un’alternativa valida al prestito personale offerto dalla propria banca tradizionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *