Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

CESSIONE DEL QUINTO: IL PRESTITO SICURO CHE TI PERMETTE DI SCEGLIERE RATA E DURATA

mani di persone unite

In questo articolo parleremo di:

  • Vantaggi derivanti dal poter scegliere la durata del prestito sin maniera SEMPLICE e garantita.
  • Perché poter scegliere l’importo è un grande valore aggiunto.
  • Come ottenere una consulenza per richiedere il proprio prestito in totale serenità.

Tempo di lettura stimato: 5 minuti.


Molte volte si pensa, erroneamente, che richiedere la cessione del quinto implichi obbligatoriamente la scelta di una durata lunga (10 anni) e per questo motivo spesso la decisione si concentra su altri prodotti finanziari meno appropriati alle caratteristiche del richiedente, delle sue esigenze e prive di garanzie a copertura dei rischi.

In realtà, la scelta della durata dipende dall’importo di cui il cliente ha effettivamente bisogno; sarà proprio la durata a determinarne il netto erogato a parità di rata presa in considerazione.


  Cessione del quinto: le sue caratteristiche principali

Chiariamo meglio, a tal riguardo, cosa sia una cessione del quinto e quali caratteristiche la rendono preferibile ad altre tipologia di finanziamento.

Prima di tutto essa può essere richiesta da soggetti con contratto di lavoro a tempo indeterminato (dipendenti statali, pubblici e privati) e pensionati, i quali hanno la possibilità di ottenerla in virtù dello stipendio/pensione netti percepiti, del quale possono cedere al massimo il 20% (D.P.R.  180/1950).

La rata di una cessione del quinto, dunque, sarà determinata dal quinto cedibile, in base al quale calcolare poi l’importo massimo da erogare.

È importante sottolineare che grazie al prestito con cessione del quinto è possibile ottenere cifre elevate che puoi scoprire contattandoci e l’età prevista per richiederlo è compresa tra i 18 e gli 85 anni (a scadenza del contratto)

Altro elemento importante da tenere in considerazione quando si sceglie un finanziamento di cessione del quinto dello stipendio, è la possibilità di ottenere il prestito anche se inquadrati dal sistema bancario quali cattivi pagatori, in presenza di protesti o di altri debiti in corso.

Essendo un prodotto con coperture assicurative obbligatorie (rischio vita e perdita del lavoro), il cliente beneficia dell’ulteriore vantaggio di essere tutelato in caso di premorienza o licenziamento improvviso con totale esonero da parte dei famigliari o eredi di rispondere sul debito restante.

Non è necessario, inoltre, affannarsi per cercare ulteriori garanzie utili ad ottenere la somma richiesta, perché la cessione del quinto non necessita di alcuna garanzia esterna (fideiussori terzi e garanti o ipoteche su beni immobili). Solo nel caso in cui il richiedente sia dipendente di un’azienda privata, la garanzia è rappresentata per la sola durata del finanziamento dal TFR maturato fino a quel momento, che comunque permetterà di ottenere un finanziamento pari due, tre, quattro o cinque volte l’importo a seconda del coefficiente di affidabilità dell’Amministrazione per cui si lavora.

  Cessione del quinto: quale durata scegliere

Come più volte evidenziato, questa forma di finanziamento prevede una durata massima pari a 120 mesi, ma questo non vuol dire che il richiedente sia obbligato a sottoscrivere un contratto per 10 anni.

La cessione, infatti, consente la scelta della stessa (durata) da 3 a 10 anni, ragion per cui, si è assolutamente liberi di optare per quella più consona alle proprie esigenze, tenendo ben presente che sarà proprio la durata a determinare l’importo massimo ottenibile.

È chiaro che, nel caso specifico di un pensionato, la durata sarà determinata dalla sua età anagrafica; per esempio, una persona di 78 anni ha possibilità di scelta compresa tra i 36 e gli 84 mesi, visto che il termine massimo è fissato ad 85 anni.

Affidarsi all’Agenzia più competente e organizzata, può sicuramente contribuire a soddisfare dubbi e perplessità relative all’importante aspetto di scelta della durata che incide sulla capitalizzazione e restituzione degli interessi da parte del richiedente.

Un giusto e corretto metodo di valutazione contribuisce inequivocabilmente ad un risparmio di cui beneficiare dal momento della stipula del contratto di cessione fino all’estinzione totale del finanziamento.

A tal proposito si vuole portare ad esempio una situazione limite dove la durata per una cessione del quinto pensionati potrebbe far lievitare i costi globali del finanziamento proprio per una stretta relazione tra età, durata e copertura assicurativa. Ci sono dei casi specifici in cui alcune compagnie assicurative superato il 79 esimo anno d’età, aumentano in maniera considerevole il costo della polizza in quanto lo stesso rischio è proporzionale all’avanzare dell’età. In quel caso un pensionato di 70 anni avrebbe più beneficio nella scelta di un finanziamento a durata nove anni (termine 79 anni) piuttosto che di 10 anni, superando la soglia dei 79 con conseguente aumento dei costi globali del finanziamento.

Si fa sempre presente, che l’accesso al credito tramite un’Agenzia, deve essere supportato da trasparenza e consulenza a favore di scelte consapevoli da parte del consumatore, al fine di ottenere e trarre sempre il maggior beneficio possibile dalla richiesta del finanziamento e che non vada a peggiorare la situazione dello stesso al momento della richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *